Biografia

1923  Ugo Attardi nasce il 12 marzo a Sori, presso Genova, da genitori siciliani. L’anno seguente la famiglia si trasferisce in Sicilia.

A Palermo il giovane Attardi vivrà prima in via Alessandro Volta, poi nel quartiere Matteotti (che all’epoca si chiamava Littorio) ed infine in Via Libertà.

1937  E’ ammesso ai corsi del liceo artistico di Palermo.

1941  Si iscrive alla Facoltà di Architettura che però non può frequentare a causa della guerra.

1945  Su invito dell’amico amico Pietro Consagra si trasferisce a Roma, dove comincia l’attività di pittore.

1947-48  Insieme ad altri giovani artisti (Carla Accardi, Pietro Consagra, Piero Dorazio, Mino Guerrini, Concetto Maugeri, Achille Perilli, Antonio Sanfilippo e Giulio Turcato) dà vita al movimento Forma 1. Espone con alcuni di loro a Roma allo Studio d’Arte Moderna ed alla Galleria Art Club.

Il 30 settembre si sposa a Palermo con Elena Giaconia.

Partecipa alla V Quadriennale di Roma

1950  Nasce la figlia Aura

1951  Espone alla Galleria Il Pincio di Roma.

1952  Partecipa alla Biennale di Venezia.

1954  Partecipa alla Biennale di Venezia.

1956  Partecipa alla VII Quadriennale di Roma, tiene una personale alla Galleria La Tartaruga di Roma ed inizia l’attività incisoria.

1957  Nasce il figlio Andrea

1958  Inizia la collaborazione con il giornale di politica e cultura Città Aperta assieme a Tommaso Chiaretti, Elio Petri, Renzo Vespignani, Mario Socrate, Dario Puccini, Gianzio Sacripante, Piero Moroni, Carlo Ajmonino.

1959 Partecipa alla VIII Quadriennale di Roma

1960  Espone con Vespignani alla Galleria La Nuova Pesa di Roma

1961-64  E’ uno dei promotori del gruppo Il Pro e il Contro e fino al 1964 con Alberto Gianquinto, Ennio Calabria, Piero Guccione, Fernando Farulli, Carlo Ajmonino, Antonio Del Guercio, Dario Micacchi, Duilio Morosini figura in tutte le manifestazioni del gruppo stesso. Partecipa inoltre a numerose mostre a Praga, Mosca, Los Angeles, Londra, Berlino, Parigi, New York e Cuernavaca.

1965  Espone alla Galleria La Nuova Pesa di Roma e partecipa alla IX Quadriennale di Roma

1967  Inizia l’attività di scultore con Donna che cura un bambino ammalato. Dopo tre anni di lavoro termina la stesura del romanzo L’Erede selvaggio.

1968  Espone alla Galleria Il Gabbiano di Roma. Esegue 33 disegni raccolti nell’album Questo matto mondo assassino. Completa il bassorilievo ligneo Addio Che Guevara ed inizia il primo dei grandi gruppi scultorei L’arrivo di Pizzarro che terminerà nel 1971.

1970   E’ pubblicato il romanzo L’Erede selvaggio, con il quale vince il Premio Viareggio per la narrativa l’anno seguente. Espone alla Galleria 32 di Milano in marzo, alla Galleria Narciso di Torino in aprile ed alla Galleria Il Gabbiano di Roma in novembre.

1971  A gennaio espone alla Galleria dell’Orso di Milano e ad aprile alla Galleria Il Gabbiano di Roma. Una sua antologica si tiene nel Chiostro Francescano Ai Fratti di Camaiore.

1972  Espone alla Galleria La Loggetta di Ravenna.

1973  Espone alla Galleria Santacroce di Firenze.

1974  Inizia il grande gruppo di sculture lignee Cortes e la bellezza dell’Occidente che terminerà due anni dopo e lavora al gruppo Il ritorno di Cristobal Colon che terminerà nel 1980.

1976  Una sua grande mostra antologica è organizzata al Palazzo dei Diamanti di Ferrara.

1977  Espone alla Galleria dei Giorni di Pisa.

1978  Viene invitato per la terza volta alla Biennale di Venezia ed in dicembre espone alla Galleria Olivetti di Parigi

1981  Mostra antologica alla Rotonda della Besana di Milano.

1982  llustra l’edizione italiana del romanzo surrealista di Philippe Soupault Les dernières nuits de Paris. Una mostra personale è organizzata alla Fiac di Parigi ed un’altra alla Galleria d’Arte Contemporanea d’Alarcon di Porto Azzurro (Isola d’Elba). In novembre a Roma partecipa alla mostra collettiva Creatività e tecnica nell’incisione a Palazzo Venezia.

1983  Il Centro Georges Pompidou di Parigi gli dedica una manifestazione e un balletto ispirato alle sue sculture. Per il bicentenario della nascita di Stendhal realizza più di quaranta disegni che si ispirano a Cronache italiane e a Passeggiate romane, presentati alla sala dei Templari di Molfetta.

A dicembre una mostra personale è allestita alla Galleria Faris di Parigi.

1984  Scolpisce la figura in legno Dormiva nella mia stanza.

1985  Mostra antologica a Palazzo Barberini  di Roma.

1986  Per il quarantennale della Repubblica Italiana realizza il bassorilievo bronzeo Per la Libertà, che viene collocato l’anno successivo davanti alla sede centrale della UIL di Roma in Via Lucullo. Partecipa inoltre alla XI Quadriennale di Roma.

1987-88  Partecipa alla mostra Forma 1 1947-1987, presso il Mathildehöhe di Darmstadt (Germania).

1988  Lavora alla realizzazione del complesso monumentale Il Vascello della Rivoluzione concepito come omaggio della cultura italiana in occasione del bicentenario della Rivoluzione Francese.

1989  Il Vascello della Rivoluzione viene esposto in luglio sulla terrazza del Pincio a Roma e dal 30 settembre al 30 ottobre a Parigi. L’anno successivo verrà definitivamente installato presso il Palazzo dello Sport di Roma.

1990  Mostra di opere su carta alla Galleria Il Gianicolo di Perugia.

1991  La Galleria Spazio 3 di Roma organizza una mostra dei suoi gioielli intitolata Nell’oro amore cercando. In giugno, nel Palazzo della Penna di Perugia, è organizzata un’esposizione antologica di disegni intitolata Amori e Predonerie.

1992  Partecipa alla mostra collettiva 12 incisori siciliani alla Galleria La Tavolozza di Palermo. Per la nuova aerostazione di Palermo realizza il bassorilievo in bronzo I sogni del re normanno. In occasione delle celebrazione colombiane, il grande complesso bronzeo Nelle Americhe viene installato in Avenida 9 de Julio di Buenos Aires.

E’ invitato alla XII Quadriennale di Roma.

1993  Partecipa alla mostra collettiva Trent’anni di arte per immagini alla Galleria Appiani Arte di Milano. Disegni, maquettes, piccoli bronzi ed altri studi preparatori del complesso Nelle Americhe vengono esposti a Washington DC.

1994  Partecipa alla mostra collettiva Sicilia, terra d’arte alla Galleria Spazio Italia di New York. A  gennaio espone allo Studio d’Arte Melotti di Ferrara, a  marzo presenta una mostra alla Galleria d’Arte L’Approdo di Bari, intitolata Roma, la luce, l’abbandono. In maggio gli viene allestita una vasta antologica nel Reale Albergo dei Poveri di Palermo, intitolata Avventure e amore cercando.

1995  Espone un gruppo delle sue opere nel J.F. Kennedy Airport di New York. La Galleria Spazio Italia di New York  organizza una sua mostra personale di pitture e sculture. Partecipa alla mostra collettiva W il cinema, omaggio ai primi 100 anni del cinema alla Galleria Il Gabbiano di Roma.

1996  Prende parte alle seguenti mostre collettive: Bianco e Nero alla Galleria L’Androne di Scicli, Delizia Estense del Verginese a Gambalunga Portomaggiore (Ferrara) ed alla 1° Rassegna d’Arte Contemporanea nel segno della Resistenza nelle Scuderie di Palazzo Farnese di Caprarola. L’Alitalia allestisce una sua mostra personale al Centro Direzionale di Roma. In giugno presenta una mostra personale a Corridonia, presso la Marcelletti Arte, ed un’altra a Milano, presso la Galleria Senato.

Riceve il Premio FIMIS’96: Una vita per l’Arte, consegnato dal Comune di Isola delle Femmine.

1997  Partecipa alla mostra L’anima e le sue forme al Museo Civico Archeologico di Bologna. E’ presente nella Rassegna Nazionale dell’Acquaforte Figurativa Contemporanea Bianco & Nero allestita dall’Associazione Culturale La Regina dei Quadri presso Il Palazzo Polara Modica di Ragusa, ed alla mostra collettiva La Pelle Nera alla Galleria Marieschi di Monza. Installa la scultura monumentale Ulisse a Battery Park (New York) e presenta una mostra personale alla Galleria Blu Art di Alba Adriatica.

1998  A marzo tiene una mostra antologica di grafica intitolata Il corpo ha una sua purezza a Palazzo Milo di Trapani. Da luglio a settembre prende parte alla mostra collettiva Lavori in corso alla Galleria Comunale di Arte Moderna e Contemporanea di Roma e partecipa inoltre alla mostra collettiva Interni  Esterni – Generazioni a confronto, nella quale vengono esposte opere grafiche dei più importanti artisti siciliani. Inaugura la seconda scultura monumentale Ulisse, installata permanentemente a Palazzo Valentini di Roma e partecipa al progettoAlitalia per l’Arte – 24 artisti per Umbria Jazz.

1999  E’ presente alla mostra Etian Coelo – opere su carta nelle sale dell’ ex convento di San Francesco di Assisi di Sciacca ed è partecipe del progetto Artisti per la 705 Perdonanza Celestina nella Fortezza Spagnola de L’Aquila. Espone inoltre alla Galleria Studio 71 di Palermo e il 21 novembre gli viene assegnato il Premio Michelangelo dall’Accademia  dei Virtuosi  del Pantheon.

2000  Partecipa alla 1° Biennale dell’incisione italiana contemporanea Città di Campobasso a Palazzo d’Ovidio ed alla mostra Encontres – Incontri di fine ‘900 al Palazzo Comunale di Alghero. Presenta una mostra antologica al Centro Borges di Buenos Aires intitolata La forma e lo specchio. Opere 1948 – 2000 ed un’altra alla Galleria Pavillon di Cordoba (Argentina). Partecipa alla mostra Forma 1 e i suoi artisti alla Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

2001  Prende parte alla mostra collettiva Palermo alla Galleria d’Arte Sessantuno di Palermo. A maggio viene inaugurata presso la Casa d’Arte Ulisse di Roma una grande mostra antologica intitolata …del bianco e del nero, curata dall’Archivio Storico Ugo Attardi e comprendente opere dal 1947 al 2001. A luglio partecipa alla mostra collettiva Origini Siciliane – Protagonisti del Novecento a Palazzo Spadaro di Scicli della Provincia Regionale di Ragusa. La XXVIII Edizione del Premio Sulmona, tenutasi nell’ex Convento di Santa Chiara, gli rende un particolare omaggio. A novembre presenta una  mostra personale alla Galleria Senato di Milano.

2002  Viene donata a Papa Giovanni Paolo II una scultura monumentale intitolata Il Cristo, che entra a far parte delle collezioni dei Musei Vaticani. Riceve il Premio Foyer 2002 dall’Università degli Studi di Roma La Sapienza.

Il Presidente della Repubblica Italiana, Carlo Azeglio Ciampi, gli conferisce la Medaglia d’Oro per l’alto valore del suo lavoro artistico.

2003  A marzo prende parte alla mostra collettiva itinerante Giochi Olimpici: Cinque Anelli di Competizione Sportiva, Solidarietà, Cultura, Speranza e Pace a Palazzo Reale di Napoli, la quale in giugno viene trasferita ad Atene, presso il Museo di Arte Ciclada, ed in ottobre a Venezia, presso la Chiesa e Scuola Grande di San Giovanni Evangelista.

La Presidenza del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana gli conferisce il Premio per la Cultura nel Settore dell’Arte, quale riconoscimento istituzionale volto a segnalare la figura e l’opera di grandi personalità della cultura. Riceve il Premio alla Carriera, conferitogli dalla Biennale Nazionale d’Incisione Giuseppe Polanschi e dal Comune di Cavaion Veronese.

A  luglio è invitato a partecipare alla mostra collettiva intitolata Gli Anni del Pro e del Contro organizzata dall’Ente Mostra Nazionale di Cultura Contemporanea Città di Marsala, mostra che viene trasferita ai Musei di San Salvatore in Lauro di Roma a  novembre.

In ottobre l’Assemblea Regionale Siciliana e la Fondazione Federico II presentano a Palazzo dei Normanni  la mostra personale Impervie Dimore, Opere 1947- 2003 e prende parte all’esposizione organizzata dal MAMAC di Liegi intitolata Forma 1 et ses artistes.

2004 In occasione dell’entrata della Repubblica di Malta nell’Unione Europea, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, Carlo Azeglio Ciampi, e del Presidente della Repubblica di Malta, Guido de Marco, la scultura monumentale Enea viene collocata nel porto de La  Valletta (Malta).

E’ ospite d’onore dell’Infiorata di Genzano. In  aprile prende parte alla mostra collettiva Forma 1 e i suoi artisti presentata alla Casa delle Teste Nere di Riga (Lettonia). Partecipa alla mostra collettiva La Madonna nell’Arte Contemporanea ospitata nel Loggiato San Bartolomeo di Palermo. A dicembre partecipa alla mostra collettiva Palermo, la Sicilia e gli Arabi nel Loggiato di San Bartolomeo di Palermo.

2005  Partecipa alle mostre collettive La Luce dell’Arte alle Scuderie Aldobrandini di Frascati e Caratteri presso la Villa Comunale di Frosinone, comprendenti, oltre alle sue, opere di Piero Dorazio, Mikel Giokaj, Sebastian Matta. La mostra verrà poi allestita a  dicembre presso la Casa d’Arte Ulisse, col titolo Il miele delle ore.

2006  Una delle opere più rappresentative del periodo astratto entra a far parte della collezione permanente della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma.

Il Presidente della Repubblica Italiana, Carlo Azeglio Ciampi, gli conferisce il titolo di Grande Ufficiale della Repubblica per i meriti artistici con cui ha saputo diffondere e valorizzare in tutto il mondo il genio e la creatività del nostro Paese.

Si è spento a Roma la notte di giovedì 20 luglio. Due giorni dopo la città lo ha salutato con una cerimonia pubblica, alla presenza di autorità politiche, critici, artisti, familiari, amici, tenuta presso la Protomoteca del Campidoglio. A testimoniare ufficialmente il proprio affetto e stima, tra gli esponenti del mondo dell’arte, Alessandro Masi, Ennio Calabria, Mikel Gjokaj, Marco Tonelli.

2007 In occasione di un’importante mostra, tenutasi dal 10 marzo al 24 giugno presso le affascinanti sale di Palazzo Reale di Milano, dedicata a “Wassily Kandinskij e l’astrattismo in Italia 1930-1950”, viene esposta una significativa opera del periodo Forma 1 intitolata “Luminosità”.

In aprile, in concomitanza con l’anniversario della morte di Papa Giovanni Paolo II, figura emblematica e fonte di ispirazione negli ultimi lavori di Attardi, viene allestita presso la Casa d’Arte Ulisse di Roma una mostra a tema a lui dedicata.

Il 21 dicembre, grazie al patrocinio della Provincia Regionale di Palermo, si inaugura presso il Loggiato San Bartolomeo una mostra antologica con opere realizzate tra il 1944 ed il 2004. In contemporanea all’apertura della mostra viene presentato, per i tipi di Ulisse Editore, l’inedito libro di Marco Tonelli “Ugo Attardi. L’avventura artistica di un cavaliere antico”, con un’introduzione di Vittorio Sgarbi.

2008 Dal 21 febbraio al 5 aprile presenta alla Ulisse Gallery Contemporary Art di Roma, una importante mostra personale titolata “Ugo Attardi – Pittore e Scultore” che successivamente viene esposta a Palazzo Boncompagni di Arpino dal 16 maggio all’8 giugno.

Sotto l‘alto patronato del Presidente della Repubblica Italiana, l’Ente Giostra dell’Arme in collaborazione con l’Archivio Storico Ugo Attardi di Carlo Ciccarelli presentano, dal 27 settembre al 12 ottobre, una mostra antologica presso Palazzo Vecchio di San Gemini.

2010 In occasione di un’importante mostra, tenutasi dal 28 marzo al 18 luglio 2010 presso le Fabbriche Chiaramontane di Agrigento dal titolo “Astrazione Siciliana 1945/1968”, viene esposta una sua affascinante opera del periodo Forma 1.

2010–16 febbraio 2011 Pinacoteca Civica di Savona, “Ugo Attardi Sacro e Profano”, mostra realizzata con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica

2011 Dal 13/02/2011 al 26/06/2011 MAR Museo D’Arte Città di Ravenna, “L’Italia S’è Desta 1945-1953”.

15/10/2011-15/01/2012, Convento del Carmine, Marsala, “Ugo Attardi. L’erede selvaggio. Opere 1944-2001”

2012 dal 16/06 al 29/07, ex garage Ruspi Latina in occasione dell’80 anniversario del Comune di Latina

2014 dal 29 maggio al 27 settembre, Roma-Ulisse Gallery,titolo UGO ATTARDI EROS.

2015-20 giugno –Inaugurazione della Villa Zito (Palermo),festa nel Museo di Via Libertà(Ospite Sergio Mattarella)